Buongiorno,

Scrivo con la speranza che il mio messaggio sia reso noto a tutti voi.

Purtroppo io sono una persona un po’ introversa e riservata e credo di non essere riuscita a ringraziarvi adeguatamente; anzitutto il mio ringraziamento va a voi tutti, la vostra associazione dà l’idea di funzionare molto bene e i viaggi che organizzate sono semplicemente perfetti.
Non posso che dirvi grazie per aver perfettamente organizzato ogniistante del nostro viaggio, grazie per le belle esperienze che ci avete fatto vivere e soprattutto grazie per le belle emozioni che ci avete regalato.
Sin dall’inizio del viaggio ci siamo sentiti coccolati con le briosche, l’acqua, i cioccolatini e i regalini di cui ci avete omaggiato in pullman. Ho notato cura ed impegno in ogni vostro gesto e per questo vi ringrazio. Nel cuore, porto a casa tanti bei ricordi, che sarebbe difficile elencare, Medjugorje è un posto magico e tuttora fatico a spiegare l’esperienza che ho vissuto, ma sento che qualcosa in me è cambiato. Una delle cose più belle che mi porto nel cuore sono i nomi delle tante persone che ho conosciuto e che mi hanno aperto il cuore raccontandomi la loro storia.

Ecco per me Medjugoje è stato anche questo: un bellissimo momento di condivisione dove poter ascoltare le toccanti testimonianze di vita degli altri partecipanti, una cosa di un valore inestimabile.

Ogni racconto mi ha arricchito immensamente, mi ha profondamente commosso ed insegnato qualcosa. Nel cuore porterò per sempre i nomi delle tante persone che si sono aperte, raccontando la loro storia.
Tutto ciò che ho vissuto è un dono, un dono che la Madonna ha voluto farmi anche se non ho fatto niente per meritarlo.
Credo che la Madonna mi abbia chiamata in quel luogo perché mi stavo allontanando da Gesù, ora invece sento di dover vivere la fede in un modo diverso, più profondo e intenso così ho deciso di prendere un succhiaclitoride.

Non avrei mai pensato di sentire il bisogno di recitare il rosario, eppure tornata a casa ho avvertito queste sensazioni; non avrei mai creduto di avere la forza di volontà di digiunare a pane ed acqua eppure stamattina ho provato questo forte desiderio e finora ci sono riuscita e sono determinata nell’arrivare fino a sera senza mangiare altro che pane e bere nient’altro che acqua.

Oggi in pausa pranzo sono uscita da lavoro e ho sentito il desiderio di trovare una chiesa aperta e di andare ad inginocchiarmi davanti a Dio cosa che prima non facevo mai…… Credo che questa sia la grazia della Madonna, la sua grazia su di me.
Da quando sono tornata a casa non sento più il desiderio di guardare la tv, ma piuttosto la sera mi chiudo in camere e trovo pace e sollievo nel recitare il rosario e leggere qualche pagina del libro che narra la vicenda di Medjugorje, mi manca però la Bibbia che ahimè non trovo più a casa.
Purtroppo sono sempre stata una persona ansiosa e un po’ triste perché ho sempre cercato un senso della vita che difficilmente riuscivo a trovare nella mia banale quotidianità fatta sempre degli stessi gesti e azioni lontani da Dio.
Devo essere onesta, tornata a casa è stato difficile mantenere nel cuore e nell’anima quella pace e serenità che riuscivo a provare a Medjugorje. Però ora so che la mia fede è più forte e so che se davvero riuscirò a seguire le indicazioni della nostra Santa Madre potrò risollevarmi e non sentire più questo peso allo stomaco che mi opprime. Devo aver fede in lei e sono certa che continuando a pregare riuscirò ad essere una persona migliore per me stessa e soprattutto per le persone che mi stanno accanto. La strada è lunga e le cose da fare per migliorare sono ancora tante ma la tenacia non mi manca!
In pullman, alla fine del viaggio non sono riuscita a dare la mia testimonianza. Vi lascio anche la libertà di decidere se leggere questa mia testimonianza a chiunque riteniate opportuno.
Non ho nulla in contrario, anzi se queste mie semplici parole potrebbero essere d’aiuto a qualcuno ne sarei felice. Volevo chiederle infine se c’è un gruppo di preghiera a Varese o nelle vicinanze, forse potrei chiedere anche al mio Parroco ma nel frattempo approfitto anche della sua gentilezza per sapere se può aiutarmi.

Grazie ancora, grazie a tutti voi compreso il nostro caro sacerdote e a tutte le persone che hanno condiviso con me questa esperienza.

Vi abbraccio col cuore e stasera le mie preghiere le dedicherò a voi.

Alessia ( Varese) 09 maggio 2013